Il sottopiatto

Il sottopiatto

Un tempo veniva riservato alla tavola delle grandi occasioni.

Lucidissimi sottopiatti d’argento erano presenti in eventi importanti con “mise en place” eleganti e raffinate.

foto di Terri Cnudde da Pixabay

Negli ultimi anni si è diffusa la tendenza dell’uso del sottopiatto anche nelle occasioni meno formali, perché si tratta di un elemento molto decorativo che attribuisce una nota di raffinatezza alla tavola.  Sempre più spesso è possibile trovarlo, nei più svariati materiali, anche sulle tavole colorate ed allegre di cene informali con amici.

Negli eventi “importanti”, quindi, sottopiatto d’argento o in porcellana con centrino tra sottopiatto e piatto per evitare rumori.

Nelle cene “informali”, sottopiatti in vimini, bambù, vetro, legno, coloratissimi o unica tinta, purchè correttamente abbinati a tovaglia e piatti.

Nel caso il piano del tavolo fosse particolarmente bello, in legno pregiato o al contrario rustico, in pietra lavica, in maiolica, oggi si tende ad evitare l’utilizzo della tovaglia e preferire invece un sottopiatto grande.

foto di 139904 da Pixabay

Il galateo impone solo piccole regole:

– Il sottopiatto deve rimanere sulla tavola fino alla fine della cena

– Non deve mai essere lasciato da solo ma verrà appoggiato su di esso il piatto previsto per ogni portata della cena

Io amo molto i sottopiatti e, se lo spazio in tavola me lo consente, li uso con piacere, scegliendo ogni volta mise diverse.

L’apparecchiatura mi sembra così più completa e originale.

E voi cosa preferite?

Seguici e metti Mi Piace!

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *